Campagna Adesioni Soci

SCARICA SCHEDA ADESIONE 

 

 

  Sempre nel nostro cuore !!!

 

    IL MUSEO DEL QUARTIERE


Ingresso gratuito, aperto ogni prima domenica del mesedalle 15.30 alle 19.00.

Per Info: Roberto Turchi

Quanti Siamo

 26 visitatori online
LA GIOSTRA
Albo d'Oro

VEDI L' ALLEGATO



Allegati:
Scarica questo file (albo d'oro.doc)albo d'oro.doc
 
Punteggio

 

Uscita dalla lizza: annullamento della carriera 
Interruzione della corsa: invalidamento della carriera 
Carriera lenta: decurtazione di 2 punti 
Disarcionamento: perdita di tutti i punti 
Percosse del mazzafrusto: decurtazione di 2 punti 
Percosse al saracino: squalifica

Asportazione del mazzafrusto:
- 1 palla: premio di 1 punto 
- 2 palle: premio di 2 punti 
- 3 palle: premio di 4 punti

Presentazione alla giuria:
- Rifiuto: perdita di tutti i punti 
Appiedato: perdita di 2 punti 
Senza lancia: perdita di tutti i punti

Caduta del cavallo: perdita di tutti i punti 

Rottura della lancia: raddoppio del punteggio 
Mancata rotazione del Saracino: perdita di tutti i punti o ripetizione della carriera 
Perdita di paramenti: decurtazione di 1 punto 
Perdita della lancia: annullamento del punteggio (a meno che il giostratore non asporti l'intero mazzafrusto al Saracino)

La Gara

Lo svolgimento delle carriere della Giostra del Saracino è disciplinata dal relativo "Regolamento tecnico".

Ogni Quartiere dispone di due giostratori (o "cavalieri") e ha diritto a due carriere, che vengono corse secondo l'ordine estratto la domenica precedente presso il Palazzo Civico. In ogni carriera il giostratore impugna una lancia di legno douglas di 3.55 metri, al segnale dato dal Maestro di Campo cavalca lungo la lizza (la striscia di terra battuta che percorre in obliquo Piazza Grande) e si lancia contro il Buratto, un fantoccio metallico, caricato a molla e dotato di uno scudo nella mano sinistra e armato di mazzafrusto (lo strumento medievale composto da una frusta con tre corde, alle cui estremità stanno delle palle di legno e cuoio dal peso di 250 grammi l'una) nella destra.

Prima di ogni carriera i Famigli (cioè i responsabili) del Buratto caricano la molla di quest'ultimo (che permette al Buratto di ruotare su sé stesso una volta colpito dalla lancia dei giostratori) e sullo scudo appongono un cartellone.

 

IL CARTELLONE

alt

Il cartellone apposto allo scudo del Buratto è di forma rettangolare e diviso in settori, a ciascuno dei quali corrisponde un punteggio. Per la precisione, il centro (segnato con un cerchio rosso) vale 5 punti e da esso si dipartono a mo' di croce 4 settori: quello in alto e quello a destra valgono 4 punti, quello in basso e quello a sinistra valgono 2. Ai lati della "croce" si trovano altri 4 settori: quello in alto a destra vale 3 punti, quello in basso a sinistra 1 punto, gli altri valgono 2. Infine il contorno (in alto, a destra e in basso) vale 1. I punteggi più ambiti sono il 5, che però è molto difficile e riesce a pochi giostratori, e il 4. Lo scopo è naturalmente quello di colpire con la lancia lo scudo cercando di realizzare il punteggio più alto.

 

L'individuazione del punto d'impatto della lancia sul tabellone è data da un gommino che si trova nell'estremità della lancia, che viene inchiostrato prima di ogni carriera. Quindi la parte del cartellone colpita viene chiaramente marcata, così da facilitare il lavoro della Giuria.

Il colpo deve però essere rapido, poiché nel Buratto è presente una molla che scatta al momento dell'impatto tra la lancia e lo scudo, facendolo ruotare su sé stesso: se pertanto il cavaliere è lento, o affronta il buratto con una traiettoria "troppo spavalda" rischia di venir colpito dal mazzafrusto. Le palle del mazzafrusto sono in legno e piombo, rivestire da una sacca di cuoio e vengono immerse in una polvere scura per lasciare un segno visibile nella casacca del giostratore colpito : in tal modo l'eventuale impatto tra esse e la schiena del giostratore sarà facilmente ravvisabile e comporterà la decurtazione di 2 punti (ai sensi dell'art. 37 del Regolamento tecnico).

 

IL MAZZAFRUSTO

alt

La decurtazione dei 2 punti può essere decisa dalla Giuria in presenza di una carriera giudicata troppo lenta. Da qualche anno esiste un tempo massimo di percorrenza della lizza di 4,85 secondi. Se il tempo della carriera, misurato tramite delle fotocellule, è superiore a quello consentito, il punteggio viene decurtato di 2 punti anche in assenza di contatto con il mazzafrusto. Se, peggio, la carriera è così lenta (e l'impatto tra la lancia e lo scudo è così debole) che il Buratto non ruota, il giostratore perde tutti i punti. Circa la mancata rotazione occorre però verificare le cause: il 7 settembre 2003 il giostratore Carlo Farsetti di Porta Santo Spirito colpì infatti il buratto a velocità normale, ma l'automa non ruotò, provocando oltretutto la rovinosa caduta del cavaliere. Immediatamente venne appurato un difetto ad una molla, così che la Giuria ordinò la ripetizione della carriera.

 

D'altra parte, se l'impatto è così violento da disarmare il buratto del suo mazzafrusto, il giostratore ottiene un punteggio supplementare, proporzionale al numero di palle che si sono staccate (1, 2 o 4 punti rispettivamente per 1, 2 o 3 palle; art. 37).

La Lancia

l giostratore deve sostenere l'urto con il buratto e finire la carriera con la lancia ben salda in mano: nel caso in cui questa cada in terra, il cavaliere perde tutti i punti marcati (art. 42), a meno che egli non sia riuscito ad asportare l'intero mazzafrusto (art. 37). La stessa conseguenza si ha nel caso in cui il giostratore si rifiuti di presentarsi alla Giuria (art. 39 lett. a). Se invece vi giunge appiedato vengono decurtati 2 punti dal punteggio ottenuto (art. 39 lett. b).

D'altra parte, se l'impatto è così forte da spezzare la lancia, il giostratore ottiene il doppio dei punti conseguiti sul tabellone (art. 43).

Il Punteggio

Il punteggio più alto possibile è pertanto il 14, che si ha nel caso in cui il giostratore centri il 5, spezzi la lancia e provochi il distacco delle 3 palle del mazzafrusto. Di fatto il più alto punteggio mai realizzato è del giostratore di Porta Santo Spirito Carlo Farsetti che il 20 giugno 1999 ottenne un 10, centrando il 5 e spezzando la lancia.

Una volta che il giostratore ha concluso la carriera restituisce la lancia alla Giuria, cui nel frattempo è stato consegnato il cartellone posto sullo scudo del Buratto. I giudici analizzano il cartellone e la lancia stessa, per verificarne l'integrità. Una volta emanato il verdetto, lo consegnano al Cancelliere, che a sua volta lo porta dall'Araldo per la lettura alla Piazza.

Spareggi

Se, una volta concluse le 2 carriere ordinarie, vi sono almeno due Quartieri a parità di punti si procede alle carriere di spareggio. Queste si corrono finché non si ha disparità nei punteggi.

Vittoria

Vince la Giostra del Saracino il Quartiere che realizza il punteggio più alto. Al Rettore del Quartiere vincitore viene consegnata la Lancia d’oro, che poi viene portata in trionfo per le vie della città fino al Duomo (dove i quartieristi cantano un Te Deum di ringraziamento alla Madonna del Conforto o a San Donato a seconda della dedica della Giostra) e poi alla sede del Quartiere dove i festeggiamenti dureranno per giorni.

 
Disfida

La Disfida di Buratto è una composizione poetica in tre ottave, letta dall'Araldo della Giostra del Saracino di Arezzo al termine del Corteo storico della manifestazione.

La Giostra rievoca i tempi in cui i cavalieri cristiani difendevano l'Europa dall'avanzata musulmana: la Disfida di Buratto è appunto una sorta di dichiarazione di guerra che Buratto, nella Giostra presentato come "Re delle Indie", lancia alla città di Arezzo.

La voce dell'Araldo scandisce le parole di quello che è ormai divenuto un componimento assai popolare tra gli aretini, tanto che essi pronunciano a gran voce l'ultimo verso («Al campo! Alla battaglia! All'armi! All'armi!»).

In risposta alla Disfida, il Maestro di Campo (la massima autorità sulla lizza di Piazza Grande) ordina ai balestrieri dei 4 Quartieri aretini di impugnare le rispettive balestre e di scagliare al cielo una freccia ciascuno, gridando «Arezzo!», in segno di devozione verso la città. Di lì a poco hanno inizio le carriere dei giostratori, i quali si lanciano contro l'automa che appunto rappresenta Buratto Re delle Indie.

La Disfida, il cui autore è ignoto, è scritta in italiano volgare trecentesco. Le fonti bibliografiche parlano della Disfida a partire almeno dal 1677.

 

 

alt

 

 

 

 
Bollatura

La mattina del giorno precedente alla giostra del Saracino dell' edizione di settembre, nella cornice di piazza San Francesco, si svolge la bollatura dei cavalli e l’investitura dei cavalieri che correranno Giostra. La bollatura è l’annotazione nel libro del cancelliere del nome e delle caratteristiche degli otto cavalli che accompagneranno i giostratori nello scontro con il Buratto. 

 
Manifestazione

La Giostra

La Giostra del Saracino si corre in Piazza Grande ad Arezzo il penultimo sabato del mese di giugno (Giostra di San Donato) in notturna e la prima domenica del mese di settembre (Giostra di settembre) diurna.

Le Origini della Giostra

La Giostra è una rievocazione storica in costume medievale che si svolge ad Arezzo presumibilmente dal XIII secolo.

Si tratta di un'antica competizione cavalleresca che affonda le sue origini nelMedioevo e che consiste nel colpire un bersaglio, posto sullo scudo del Buratto(un automa girevole che impersona il "Re delle Indie"), con un colpo di lancia al termine di una veloce carriera a cavallo. Il tutto senza farsi colpire dalmazzafrusto, imbracciato dal Buratto stesso, il quale viene azionato da un meccanismo a molla.

In principio probabilmente questo cavalcare contro un fantoccio era un esercizio militare, che lentamente assunse i connotati di manifestazione nella quale si sfidavano i cavalieri durante particolari celebrazioni o semplicemente per dimostrare la propria abilità. Di torneamenti e giostre visti in terra di Arezzo parla espressamente Dante Alighieri, all'inizio del XXII canto dell'Inferno, in alcune celebri terzine:

« Io vidi già cavalier muover campo,
e cominciar stormo a far lor mostra,
e tal volta partir per loro scampo;

corridor vidi per la terra vostra,

o Aretini, e vidi gir gualdane,
fedir torneamenti e correr giostra;

quando con trombe, e quando con campane,

con tamburi e con cenni di castella,
e con cose nostrali e con istrane; »
(Dante Alighieri, La Divina Commedia - InfernoCanto XXII, 1-9)

Di giuochi con le lance (hastiludia), svoltisi nella città di Arezzo per festeggiare il felice esito di una missione diplomatica in terra di Francia, si parla invece in due lettere indirizzate alla curia avignonese nel novembre 1331 daiTarlati, signori di Arezzo.

Nel Rinascimento questi spettacoli diventarono una grande attrazione; abbiamo notizie certe di "giostre ad burattum" per tutto il XVI secolo, durante la venuta di famosi personaggi in città o per importanti ricorrenze, come la manifestazione del 1535 dedicata a San Donato. Anche nel Seicento furono molto diffuse le giostre e, da quella del1677 in onore a San Niccolò, abbiamo il primo regolamento scritto con tanto di tabellone a punti. Della giostra del1684 invece ci fa un ampio e dettagliato resoconto Federigo Nomianghiarese, al quale è stata dedicata l’edizione del Settembre 2005, nella ricorrenza del III centenario della morte. Un altro famoso torneo fu quello per le celebrazioni petrarchesche del 1904, che si svolse sul tondo del Prato (il parco antistante la Fortezza Medicea) e dove a esibirsi giunsero i Dragoni di casa Savoia.

Come è nata la Giostra del Saracino

La Giostra così come la vediamo oggi nasce il 7 agosto del 1931 con un’edizione sui generis. La ripresa del Saracino è soprattutto figlia di quella ricostruzione del glorioso passato italiano propria del fascismo. Incentivare la ripresa delle tradizioni era considerato un veicolo di consenso. Tra la fine degli anni Venti e l’inizio degli anni Trenta riprendono vita diverse manifestazioni popolari tra cui il Palio di Asti, il Calcio in costume di Firenze e il Gioco del ponte di Pisa. A livello locale, dalla metà degli anni Venti, nascono le associazioni rionali che hanno una funzione ricreativa.
L’aneddotica tradizionale vuole che sia stato il corrispondente aretino del giornale «La Nazione» Alfredo Bennati a dare il là alla rinascita della manifestazione. Alla ricerca della ricetta di un dolce nella biblioteca civica s’imbatte per caso nell’opuscolo che descrive la Giostra del 1677. Qui trova il racconto di una Giostra disputata in onore del Barone Siri in occasione della festa di San Niccolò e una serie di norme che rappresentano il nocciolo dell’attuale regolamento tecnico. Di lì a poco tempo la leggenda racconta che lo stesso Bennati, trovandosi a Pescaiola notò un gruppo di ragazzini che impugnavano manici di scopa come lance e correvano imitando il galoppo del cavallo a colpire una figura disegnata con il carbone su un muro: «Che fate?» chiese. «Si gioca al buratto» gli risposero. Si rese così conto che quel torneo cavalleresco di cui aveva letto in biblioteca non era un semplice ricordo del passato, ma era una tradizione ancora viva nella cultura popolare.
Al di là della versione tradizionale della nascita della Giostra, Bennati fu uno tra quelli che si impegnarono in prima persona per la ripresa della tradizione giostresca: gli altri furono il segretario federale del Partito nazionale fascista Antonio Cappelli e il podestà Pier Ludovico Occhini. Alberto Severi scrive le parole dell’Inno del Saracino e Giuseppe Pietri le mette in musica.
Nel giro di una ventina di giorni viene messo tutto a punto. La scelta di piazza Grande è in linea con la volontà del partito fascista di farne il palcoscenico del regime. Essendo ristretti i tempi, alla Giostra partecipano i rioni già costituiti negli anni precedenti ossia: Porta Burgi (colori verde, rosso e oro), Saione (bianco, rosso e verde), Porta Fori (cremisi e oro), Porta Crocifera (bianco e verde) e Porta Santo Spirito (azzurro e oro).
La Giostra si corre in via di Seteria che costeggia la piazza Grande in leggera salita. Il Buratto è posizionato in corrispondenza di palazzo Brizzolari. Ogni rione ha due giostratori che corrono due volte. Nelle venti carriere complessive i punteggi sono bassissimi: vince Porta Burgi, detto anche rione centro, con un totale di 8 punti. Il podestà Occhini consegna al quartiere vincitore una bandiera in raso color amaranto con il cavallino rampante, una targa in bronzo e una medaglia d’oro. La lancia d’oro, come trofeo della Giostra, arriverà solo nell’anno successivo, con la riorganizzazione delle porte e il posizionamento della lizza in terra battuta nella diagonale della piazza da via Borgunto a via Vasari, come oggi. Porta Burgi, nonostante la vittoria, viene cancellata, così come il rione di Saione che confluisce in Porta Santo Spirito: Porta Crocifera diventa Crucifera e da biancoverde diventa rossoverde, Porta Fori, prende il nome di Porta del Foro. Si aggiunge Porta Sant’Andrea a cui viene attribuito il territorio di Porta Trento Trieste.
La Giostra diventa uno strumento che fa conoscere la città a livello nazionale grazie anche alla benevolenza del partito fascista che lo vede come uno strumento propagandistico: alla metà degli anni Trenta Achille Starace diventa capitano onorario di Porta del Foro e Vittorio Mussolini di Porta Santo Spirito. Nel maggio 1938 i figuranti vengono invitati nel giardino di Boboli a Firenze e sfilano di fronte a Mussolini ed Hitler, in occasione della visita ufficiale del Fuhrer, il principe Umberto di Savoia e Maria José assistono all’edizione del giugno 1938, nel 1939 si organizza una edizione in notturna in onore del segretario nazionale del partito fascista Starace.
L’ultima Giostra prima della Seconda Guerra Mondiale si svolge il 9 giugno del 1940, un giorno prima della dichiarazione di guerra di Mussolini. La notizia della vittoria di Porta Santo Spirito occupa poche righe in cronaca. Passeranno otto anni prima che il Buratto torni a troneggiare in piazza Grande.

I Quartieri nel Medioevo

Dagli Statuti del 1327 apprendiamo che in quell'anno Arezzo era suddivisa in 4 quartieri:Porta CruciferaPorta Sant'AndreaPorta del ForoPorta Burgi (il cui territorio corrisponde a quello dell'attuale Porta Santo Spirito, e non dell'omonimo quintiere che prenderà parte alla sola edizione del 1931), che avevano giurisdizione anche oltre le mura cittadine, su di un territorio diviso in tre fasce concentriche.

Le prime due erano le "Camparie", che rappresentavano la zona subito fuori le mura, e le "Cortine", che si estendevano all'incirca per cinque miglia. Queste prime due ripartizioni prendevano direttamente il nome dalle quattro porte di appartenenza. Porta Crucifera controllava le Camparie e le Cortine a nord-est, Porta Sant'Andrea a sud-est, Porta del Foro a nord-ovest e Porta Burgi a sud-ovest. Poi vi era la terza fascia, formata da cinque "Viscontarie" che inglobavano quel territorio comprendente gli altri comuni e comunelli facenti parte del comitato aretino.

Le Viscontarie erano chiamate di Montagnadi Veronadi Cegliolodel Piano d’Arezzo edella Valdambra.

  • Porta Crucifera aveva giurisdizione su quella di Verona, ovvero l'alta valle del Tevere.
  • Porta Sant'Andrea aveva competenza su quella di Cegliolo (fascia sub-appenninica e collinare che andava dal cortonese fino alle pendici meridionali dell’Alpe di Catenaia, delimitata nel suo lato a sud-ovest dalle paludi della Chiana).
  • Porta del Foro aveva sfera d’azione sulla Viscontaria di Montagna (il Casentino) e su quella di Valdambra a destra dell'Arno.
  • Porta Burgi infine aveva capitolo sul Piano d’Arezzo, quindi la Valdichiana oltre le paludi (da Civitella a Foiano) e la Visconteria di Valdambra a sinistra dell'Arno.

Nella loro porzione di Camparie, Cortine e Viscontarie, le quattro porte avevano potestà in materia civile, di giustizia e di pagamento dei dazi.

Le Casate e quelle del Contado

l corteo che oggi anticipa la Giostra vede sfilare anche gli emblemi e i cavalieri delle famiglie nobili della città e del contado, che nei territori abbinati ai quartieri possedevano la dimora o avevano avuto feudi e consorterie, quindi peso politico e militare prima dell’ascesa del libero Comune.

  • A Porta Crucifera sono assegnati i Bacci, i Bostoli, i Brandaglia e i Pescioni e per quanto riguarda il contado i nobili della Faggiuola e i Conti di Montedoglio.
  • A Porta Sant’Andrea le famiglie cittadine dei Conti di Bivignano, i Guillichini, i Lambardi da Mammi e i Testi e i consortati nobiliari dei Barbolani Conti di Montauto e dei Marchesi Bourbon del Monte Santa Maria e dei "De Mattes conti di Catenaia".
  • A Porta del Foro i Grinti di Catenaia, i Sassoli, i Tarlati di Pietramala, gli Ubertini e le consorterie dei Conti Guidi di Romena e dei Cattani della Chiassa.
  • A Porta Santo Spirito, infine, le casate di città degli Albergotti, degli Azzi, dei Camaiani e dei Guasconi e quelle del contado dei Pazzi del Valdarno e dei Tolomei del Calcione.

La Giostra Oggi

La prima edizione dei nostri giorni si svolse il 7 agosto 1931, data in cui ricorre la festa del Patrono d'Arezzo, San Donato. Secondo la tradizione, la rievocazione storica fu riportata in vita a seguito di un ritrovamento fatto da Alfredo Bennati nel 1930 nella biblioteca civica. Si narra che il Bennati fosse alla ricerca della ricetta di un dolce e che incappò casualmente in documenti medievali che descrivevano lo svolgersi di una giostra fra i cavalieri delle nobili casate d'Arezzo e del "Contado". La giostra avrebbe avuto quale scopo quello d'allenare i cavalieri aretini nel combattere i predoni che dalle coste si avventuravano fino nell'entroterra. Per questo si raffigurava il Buratto come "Re delle Indie" e con fogge medio-orientali.

Il 7 agosto 1931 il podestà Pier Lodovico Occhini ripristinò in chiave moderna la Giostra del Saracino. Se le edizioni del passato erano state più che altro un modo per marcare le differenze di classe, con quelle dell’era moderna entrò in gioco il carattere agonistico. Si pensò così di suddividere il territorio cittadino in più parti e a ognuno di questi settori vennero assegnati dei giostratori che li avrebbero rappresentati.

La città venne così suddivisa in 5 zone, dette "quintieri": Porta Crocifera (colori bianco e verde), Porta Fori (giallo e cremisi), Porta Santo Spirito (azzurro e oro), Saione (bianco, rosso e verde) e Porta Burgi (rosso, verde e oro). A quest'ultimo quintiere andò la vittoria della prima giostra del XX secolo[1].

Già dal 1932 però si cambiò e si decise definitivamente di ambientare la manifestazione nel XIV secolo, epoca dei Tarlati. Allo stesso tempo il territorio della città venne suddiviso in 4 quartieri, così com'era nel Trecento. Porta Crocifera e Porta Fori mutarono i propri nomi in quelli attuali di "Porta Crucifera" e "Porta del Foro". Il quintiere di Saione fu inglobato da Porta Santo Spirito, mentre la zona assegnata in maniera non veritiera l'anno prima a Porta Burgi venne in gran parte assorbita da Porta Crucifera, che a sua volta cambiò i propri colori in quelli del quintiere inglobato. Porta Crucifera cedette i vecchi colori e parte del suo territorio alla neonata Porta Sant'Andrea. L'unica variazione rispetto al Medioevo venne data da Porta Santo Spirito, che sostituì Porta Burgi nell'abbinamento alla parte sud-ovest di Arezzo.

I Quartieri

Porta del Foro

noto anche come "San Lorentino".

  • Colori: giallo e cremisi.
  • Raffigurazione araldica dell’emblema: «Di cremisi alla chimera di Arezzo rivoltata».
  • Territorio: settore nord-ovest della città. Al quartiere sono inoltre associate le antiche Cortine di Porta del Foro, la Visconteria di Montagna e la Visconteria della Valdambra oltre l’Arno.
  • Motto: "Tria capita, una mens".
  • Casate della città: Grinti di Catenaia, Sassoli, Ubertini, Tarlati.
  • Casate del contado: Cattani della Chiassa, Conti Guidi di Romena.
  • Sede: nei locali di Porta San Lorentino.
  • Protettori: Santi Lorentino e Pergentino.
  • Oratorio: Chiesa di San Domenico, Piazza Fossombroni.
  • Giornale periodico: "Lancia in Resta".

 Porta Crucifera

noto anche come "Colcitrone"

  • Colori: rosso e verde.
  • Raffigurazione araldica dell’emblema: «Partito: nel primo di verde al monte di tre colli d’oro all’italiana cimato da una croce dello stesso; nel secondo di rosso al campanile della Pieve di Arezzo finestrato di nero ed affiancato da due torri pure d’oro aperte e finestrate di nero».
  • Territorio: settore nord-est della città. Al quartiere sono inoltre associate le antiche Cortine di Porta Crucifera e la Visconteria della Verona.
  • Motto: “Excelsior Crux Maior Gloria”.
  • Casate della città: Bacci, Bostoli, Brandaglia, Pescioni.
  • Casate del contado: Conti di Montedoglio, Nobili della Faggiuola.
  • Sede: Palazzo Alberti, via San Niccolò 1.
  • Protettore: San Martino.
  • Curiosità: il quartiere prende prende il nome di Porta Crucifera (portatore della croce) perché originariamente aveva come emblema quello che oggi è l'emblema di Porta Sant'Andrea: una Croce, appunto.
  • Oratorio: Chiesa di Santa Croce, via di Santa Croce.
  • Giornale periodico: "Il Mazzafrusto".

Porta Sant' Andrea

  • Colori: bianco e verde.
  • Raffigurazione araldica dell’emblema: «Di verde alla croce di Sant’Andrea d’argento».
  • Territorio: settore sud-est della città. Al quartiere sono inoltre associate le antiche Cortine di Porta Sant’Andrea e la Visconteria di Cegliolo.
  • Motto: "Divus Andreas superior discedit".
  • Casate della città: Conti di Bivignano, Guillichini, Lambardi da Mammi, Testi.
  • Casate del contado: Barbolani Conti di Montauto, Marchesi del Monte Santa Maria, Mattesini conti di Catenaia
  • Sede: Palazzo San Giusto, via delle Gagliarde 2.
  • Protettore: Sant'Andrea Guasconi.
  • Oratorio: Chiesa di Sant'Agostino, Piazza Sant'Agostino.
  • Giornale periodico: "Il Bando".

Porta Santo Spirito

noto anche come "Quartiere della Colombina".

  • Colori: giallo e azzurro.
  • Raffigurazione araldica dell’emblema: «D’azzurro al ponte di tre archi al naturale, caricato al di sopra di quello centrale, più alto, da una lettera M cimata da una croce di nero, e cimato da una cinta muraria con tre torri al naturale, sormontato dalla colomba dello Spirito Santo raggiante d’oro».
  • Territorio: settore sud-ovest della città. Al quartiere sono inoltre associate le antiche Cortine di Porta del Borgo, la Visconteria del Piano di Arezzo e la Visconteria della Valdambra fino all’Arno.
  • Motto: "Ex antiquitate ardor".
  • Casate della città: Albergotti[2], Azzi, Camaiani, Guasconi.
  • Casate del contado: Pazzi del Valdarno, Tolomei del Calcione.
  • Sede: Bastioni di Porta Santo Spirito, via Niccolò Aretino 4.
  • Protettore: San Jacopo.
  • Oratorio: Chiesa di Sant'Antonio, via Vittorio Veneto.
  • Giornale periodico: "Il Bastione".

 

 
Regolamento

Regolamento Giostra del Saracino

 
Inno "Terra d'Arezzo"

Testo

Terra d'Arezzo, un cantico salga dal nostro cuore
a te, che luce ai popoli fosti col tuo splendore.
Da quasi trenta secoli parla di te la storia
e mille e mille pagine consacra alla tua gloria.

 

Galoppa galoppa, o bel cavalier,
tu sei la speranza del nostro Quartier;
col braccio robusto che piega il destin,
trionfa, o gagliardo, del Re Saracin,
trionfa, o gagliardo, del Re Saracin.

 

Or che risorgon gli animi, d'Italia al nuovo sole,
terra d'Arezzo, esaltati, ché in marcia è la tua prole.
Le mete già sfavillano dinanzi al nostro ardire;
santo è l'amor che infiammaci, più santo è l'avvenire.

 

Galoppa galoppa, o bel cavalier,
tu sei la speranza del nostro Quartier;
col braccio robusto che piega il destin,
trionfa, o gagliardo, del Re Saracin,
trionfa, o gagliardo, del Re Saracin.
 
Bando

alt

La mattina del giorno di Giostra sfila per le strade della città l'araldo con i rappresentanti dei quattro Quartieri per annuciare alla popolazione che ad ora diciassettesima si correrà la Giostra.

 

CITTA'  DI AREZZO......BANDO !!!!!

Li Onorevoli Messeri, 
Reggitori della Nobilissima Città di Arezzo, 
invitano tutti della Città e del felicissimo Contado, nobili e popolo, gente di lettere e di toga, mercadanti et artieri di ogni arte, 
al torneamento della Giostra del Saracino, 
che sarà corsa al vespro in Piazza Grande, 
a li ordini del Magnifico Maestro di Campo, dai cavalieri dei Quartieri, 
contra un simulacro che finga, tra li soldani di Babiloma, d'Egitto o di Persia, la figura di Buratto, Re delle Indie, 
a conflisione e ludibrio grandi di tutti gli infedeli nimici di Cristianità 
ed a maggior gloria et onore del Divo Donato, Patrono Nostro e del Contado, Impetratore di grazie et benediziom


Correranno li Cavalieri de li Quartieri: di Porta Santo Spirito ..................................

 
Estrazioni delle Carriere

alt

Il sorteggio che si esegue in piazza della Libertà determina l’ordine in cui si sfideranno i quattro quartieri della Giostra. Le quattro rappresentanze armate di Porta Crucifera, Porta del Foro, Porta Sant’Andrea e Porta Santo Spirito si ritrovano per raggiungere il palco di fronte a Palazzo dei Priori. Qui si svolge l’estrazione a cui partecipa sempre un buon pubblico. A presiedere il sorteggio c’è il sindaco in costume medievale e i rettori. Prima dell’inizio dell’estrazione delle carriere il sindaco affida lo scettro di comando al maestro di campo, l’autorità insindacabile di piazza Grande. Al sorteggio sono chiamati dall’araldo della Giostra i quattro paggetti nell’ordine d’estrazione dell’ultima edizione. Appena l’araldo legge alla piazza l’esito del sorteggio da una delle finestre di palazzo dei Priori appare la bandiera del quartiere scelto a sorte sventolata da un vessillifero. L’araldo chiama a questo punto il capitano del quartiere estratto a giurare la sua correttezza e il suo rispetto nei confronti del regolamento tecnico e dei dettami del maestro di campo.

alt

alt

alt

 


Cavallino D'oro

Classifica Cavallino d'Oro

Gruppo Giovanile

Gruppo Giovanile

Circolo dè Ghibellini

Circolo dè Ghibellini

                                   Eventi e News

Realizzazione sito web www.sitiwebegrafica.it

Utilizzando il sito accetti implicitamente l'uso dei cookie per migliorare la navigazione e mostrare contenuti in linea con le tue preferenze - Policy - Accetto i cookies